Atlante dei luoghi misteriosi d’Italia: 3 curiosità sull’Emilia-Romagna

Categorie Appunti sparsi

“…ciò che tutti questi luoghi hanno in comune è qualcosa che da sempre affascina l’uomo: le storie che li accompagnano.”

(Massimo Polidoro)

 

Cari viaggiatoripossibili, è da un po’ che ci penso… cosa sarebbe un viaggiatore senza la letteratura? Cos’è un buon libro se non un viaggio, e cos’è un viaggio se non un racconto? Per come la vedo io, il viaggio non può esistere senza la narrativa del viaggio stesso, senza che chi lo sperimenta se ne formi la propria epica personale, per così dire. Perciò sono particolarmente affascinata dalla letteratura di viaggio o, meglio ancora, dalla letteratura che parla di luoghi. Che poi è forse l’unico tipo di letteratura esistente, poiché parlare di esseri umani è anche parlare dei territori in cui questi ultimi si muovono e operano. È per questo che la tipologia dell’”atlante dei luoghi”, piuttosto in voga da qualche anno a questa parte, mi sta così a cuore. Ne sono spuntati fuori tantissimi di recente: l’Atlante delle isole remote (forse il precursore della serie – correggetemi se sbaglio), l’Atlante dei luoghi letterari, l’Atlante dei luoghi immaginari, l’Atlante dei luoghi maledetti… e chi più ne ha più ne metta. La novità dell’autunno è però l’Atlante dei luoghi misteriosi d’Italia, edito da Bompiani e curato da Francesco Bongiorni e Massimo Polidoro. Lettura azzeccatissima per Halloween, e mi scuso per non essere riuscita a pubblicare prima questo articolo. Per quanto mi riguarda, comunque, novembre è ancora il mese dell’arcano e del sovrannaturale, perfetto per andare a caccia di fantasmi e ruderi abbandonati.

Come si evince dall’indice posto all’inizio del volume, l’Atlante è suddiviso per regioni, raggruppate a loro volta in cinque macro-sezioni:

Italia nord-occidentale,

. Italia nord-orientale,

. Italia centrale,

. Italia meridionale,

. Italia insulare.

La cosa che più ho apprezzato del libro è lo scopo per cui è stato scritto: lungi dal presentare le credenze popolari in una veste fintamente misteriosa e per questo più appetibile, gli autori preferiscono descrivere le precise coordinate storiche e le concatenazioni causa-effetto che hanno portato al formarsi di quelle stesse credenze popolari, che non risultano per questo meno affascinanti, anzi, acquistano così ancora più valore. Parafrasando la citazione di Proust che figura fra le prime pagine, non è cercare nuove terre ma l’avere nuovi occhi che conta. Sfogliando la sezione dedicata all’Emilia-Romagna, un esempio che mi ha colpito è quello legato alla leggenda di Azzurrina, decisamente nota dalle mie parti e, devo dire, anche piuttosto abusata. Azzurrina era il soprannome dato a Guendalina, figlia di Uguccione, feudatario di Montebello; nata albina, caratteristica propria del demonio secondo le superstizioni dell’epoca, il nomignolo le derivò dalla tinta particolare che la madre utilizzava per tingerle i capelli. Si narra che il 21 giugno 1375 la bambina sparì nel nulla mentre giocava con una palla di stracci, e che ogni cinque anni, il giorno dell’anniversario della sua scomparsa, il suo fantasma torni a infestare il castello. Pare che ci siano anche delle registrazioni effettuate da un team di esperti di fenomeni paranormali, che vengono fatte sentire ai turisti durante le visite guidate. E fin qui è storia nota. Ciò che non sapevo, invece, è che non si hanno tracce storiche di Uguccione e della sua famiglia, e nemmeno del parroco locale che avrebbe raccolto e tramandato la leggenda di Azzurrina ben tre secoli dopo. Di Azzurrina, in realtà, si inizia a parlare solo nel 1989, guarda caso quando il castello viene aperto a pagamento al pubblico…

Lo stesso trattamento, per così dire, scientifico, è riservato anche a un’altra credenza originaria dell’Emilia-Romagna, quella riguardo ai “mostri del Po”, uomini-pesce i cui primi avvistamenti risalgono agli anni Ottanta, proprio ai tempi della popolarità della serie tv Visitors. La leggenda fu ulteriormente fomentata nel 1999, grazie al ritrovamento a Montecatini del presunto diario di H.P. Lovecraft, che raccontava di essere entrato in contatto con le storie legate ai mostri del Po durante un suo viaggio in Italia nel 1926. Naturalmente, il diario e il viaggio di Lovecraft si rivelarono essere una bufala colossale.

La scoperta più esaltante è stata però la Porta della Pescheria del Duomo di Modena, sul cui archivolto si trova la più antica attestazione al mondo della saga arturiana! Il bassorilievo, databile fra il 1110 e il 1130, rappresenta il salvataggio di Winlogee (Ginevra) da parte di tre cavalieri, fra i quali figura “Artus de Bretania”. L’opera precede persino la celebre Historia Regum Britanniae, scritta nel 1135 dal chierico gallese Goffredo di Monmouth; è quindi altamente probabile che la leggenda di Artù sia pervenuta in Italia in forma orale.

E voi? Conoscete qualche luogo misterioso dalle vostre parti? 🙂

55 commenti su “Atlante dei luoghi misteriosi d’Italia: 3 curiosità sull’Emilia-Romagna

  1. Sono di Modena ma non conoscevo questi “aneddoti”! Mi fa molto piacere scoprire cose nuove sulla mia città e mi fa molto piacere sapere che qualcuno parli della mia città! 🙂

  2. Conosco luoghi poco battuti perché sono una grandissima amante delle passeggiate nei luoghi non troppo affollati. Nella mia città ci sono dei luoghi ricchi di fascino ma davvero poco conosciuti e frequentati. Il primo è un piccolo museo di storia locale, davvero molto grazioso soprattutto dalla facciata esterna (dovrebbe attirare molta gente, essendo anche ad ingresso gratuito, ma invece nessuno lo vede perché è in una vietta nascosta); poi una passeggiata boschiva con un ecomuseo dei tempi della guerra, insomma ce ne sono di luoghi sconosciuti e misteriosi. In ogni luogo ci sono posti bellissimi ma poco battuti,che andrebbero riscoperti e ridonargli la loro luce.

  3. Abito nelle Marche e se non ricordo male c’è il mistero della Sibilla (appunto su i monti Sibillini). Ogni terra racconta la sua storia con i suoi luoghi e leggere o conoscere queste storie credo sia anche viaggiarci dentro!

  4. Purtroppo non conosco ancora bene la storia di Torino, ma so per certo che qui potrei trovare tantissimi luoghi misteriosi e storie affascinanti! In più questo libro sembra un giusto compromesso per viaggiare con la mente e stilare una lista dei luoghi più interessanti e particolari da visitare!
    Bella proposta!

    myHIPsteria
    http://www.myhipsteria.com

  5. Ecco un libro interessante. Penso che sia importante conoscere il paese in cui si vive meglio degli altri. grazie del suggerimento

  6. Ciao, non so se se ne parla nell’Atlante dei Luoghi misteriosi d’Italia, ma nella zona di Bergamo (dove abito io) è pieno di leggende di fantasmi. Una su tutte, che in questo periodo mi sta intrippando, è quella della battaglia di fantasmi che si combatteva ogni notte nella zona di Osio Sotto: cavalieri e fanti si scontravano di notte e scomparivano di giorno. Un vero mistero…

  7. Che ottimo spunto, peccato non averlo letto prima del mio week end a Rimini. Roma è piena di leggende e percorsi dark, se volete possiamo scoprirli insieme.

  8. Una raccolta affascinante di luoghi che bene o male sono per noi facilmente raggiungibili. A volte cerchiamo posti nascosti quando viaggiamo lontano e ci dimentichiamo di ciò che è dietro l’angolo. Ottimo consiglio per ricordarci più spesso di quanti tesori nascosti ci siano in Italia!

  9. Della leggenda di Azzurrina ne ha parlato anche Mistero anni fa, con delle registrazioni audio “agghiaccianti”. Questo Atlante mi incuriosisce, chissà cosa ha scoperto di misterioso sulla Sicilia…

  10. Andare alla ricerca di posti misteriosi è una cosa che mi piace moltissimo. Adoro i fari, per esempio, soprattutto quelli abbandonati. Quelli che hai raccontato tu in effetti non li conoscevo 🙂

  11. La mia parte bambina va in brodo di giuggiole quando si parla di saga arturiana! Voglio assolutamente vedere la Porta della Pescheria! Che si tratti di un portale verso altri mondi? 🙂

  12. Anche a me piacciono i libri che trattano di viaggi. Qualsiasi libro si legga è un viaggio. Dissento solo dal fatto che la letteratura di viaggia sia l’unica esistente.

  13. io abito in romagna e so che Eraldo Baldini ha scritto diversi libri sui posti misteriosi della zona. a parte il castello di Azzurrina però non ne ho ancora visitato uno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *